Setting the Wheels of “Qllaboration” in Motion

Asia IIX Founder Durreen Shahnaz, Aidha President Sarah Mavrinac, and Carbon Conservation CEO Doriee Sun participate in a conversation hosted by Nobel Peace Prize Laureate and Timor Leste President Jose Ramos–Horta.

The four will be the main speakers for Qi Global’s 2010 conference: The Annual Asian Summit for Sustainable Innovation, to be held in Singapore on 8-9 October, 2010.

Pre-Summit Qllaboration from Qi GLOBAL on Vimeo.

Ted Interview with Durreen Shahnaz

Durreen Shahnaz, founder and chairman of Impact Investment Exchange spoke to TED about her experiences from Wall Street to Grameen Bank and what propelled her next project: a stock exchange for socially conscious companies. You can read more at

GSVC – Social Entrepreneurship Symposium

Durreen Shahnaz, Founder and Chairman of Impact Investment Exchange Asia, spoke at the GSVC Symposium on 19th March in Bangkok. Click on the following link to listen to the talk:

Prestige Interview with Durreen Shahnaz: Power To Impact

We expected the usual power suit, but Durreen Shahnaz, the founder and chairperson of what is to be a new stock exchange come 2011, is wearing a vegetable dyed sari instead. Its material so light and supple, it flutters in the breeze. The image is powerful. The ex-investment banker and high flying media exec turned entrepreneur is, indeed, the face of a kinder and more conscious form of capitalism. Her Singapore-based Impact Investment Exchange (IIX) — Asia’s first social stock exchange — will be a capital market for social good. It is a lofty goal, but Shahnaz has never known how to aim for anything less.

Read more | “We Will Take The Risks That Investors Cannot Afford To”

A radically new form of social investment, championed by the century-old Rockefeller Foundation, the much younger Bill and Melinda Gates Foundation, and even financial powerhouses like Citigroup, is gaining followers. Antony Bugg-Levine, Managing Director of the US-based Rockefeller Foundation, shared with Naren Karunakaran ideas about the changing landscape of the philanthropic world.

Read more

Social Enterprise in Asia: Context and Opportunities

Asia is the birthplace of several successful and large Social Enterprises (SEs) such as Grameen Bank, BRAC and PDA. While extensively covered in the media, these entities are the exception rather than the norm. These SEs were, and some remain, lucky to receive unquestioned government and donor support. Not all the SEs in Asia is in the same position. Unfortunately most of the SEs are mid-sized; with neither have the unlimited access to capital nor the required recognition of their impactful work. At the same time, SEs in Asia operate within contexts that, while impossible to generalise across the whole region, provide some unique opportunities for growth.

Read more

IIX Founder Durreen Shahnaz Speaks at TED 2010 Conference

IIX Founder Durreen Shahnaz  is speaking this week at the TED 2010 conference in Long Beach, California. She was chosen as one of 25 TED Fellows in a program “designed to bring together young world-changers and trailblazers who have shown unusual accomplishment and exceptional courage.”

Rockefeller Foundation Awards Grant to Impact Investment Exchange (Asia)

SINGAPORE – Jan. 18, 2010 – The Rockefeller Foundation has awarded a US$495,000 project support grant to Singapore-based Impact Investment Exchange (Asia) Pte. Ltd. (IIX), which is creating Asia’s first social stock exchange.  The grant will support research and proof-of-concept analysis that IIX will undertake prior to launch of its exchange.

The Foundation made the grant as part of its Impact Investing work to help facilitate the development of necessary infrastructure for the social capital markets and to promote the availability of capital for Social Enterprises.

IIX is creating a regulated trading platform for securities issued by sustainable Social Enterprises in Asia. The exchange will allow Social Enterprises to raise capital, expand their operations, and provide both measurable social and financial returns for investors.  Social Enterprises are entities (whether for-profit or not-for-profit) that have a social or environmental mission.  IIX believes that the growth of the Social Enterprise sector will help alleviate poverty, provide needed goods and services for the disadvantaged, and support environmentally sustainable growth throughout Asia.

“The Rockefeller Foundation is proud to support Impact Investment Exchange Asia in their effort to create Asia’s first securities exchange for impact investors as part of our multi-million dollar initiative that is helping to establish and standardize the impact investing industry,” said Antony Bugg-Levine, Managing Director at the Rockefeller Foundation.  “Impact Investing is necessary to complement traditional resources such as international aid, government funding and philanthropic grants in helping to achieve profound social change, and IIX is well on its way to have significant impact in the Asian Social Enterprise sector.”

Social Enterprises in Asia have emerged to address market failures in sectors such as primary healthcare, education, clean technology, and microfinance, but many are unable to make a widespread, systemic, positive impact because they don’t have access to growth capital. IIX aims to fill that gap.

“I would like to extend our warmest appreciation to the Rockefeller Foundation for its belief in the important role that IIX will play in multiplying the social and environmental impact of Social Enterprises as well as catalyzing impact investment in Asia,” said Durreen Shahnaz, Founder and Chairperson of IIX. “Benefitting from the Rockefeller Foundation’s leadership of the global impact investment movement and its generous support, IIX looks forward to playing a significant role in promoting sustainable development in the region.”

IIX will establish listing criteria to promote and reward the best social purpose businesses in an environment that ensures transparency and accountability for investors.
It will utilize criteria typical of a traditional exchange – corporate governance, accounting standards, operating track record, and financial performance – and limit inclusion to companies with rigorous reporting of the outcomes of their core social missions.

“The Rockefeller Foundation’s support will enable IIX to pursue important research into the social enterprise and impact investment sectors in Asia,” said Robert Kraybill, Managing Director of IIX.  “We look forward to leading this important work and to ultimately realizing our goal of creating a vibrant marketplace that brings impact investors and social enterprises together, enhancing the flow of capital to the social sector in Asia and enabling Social Enterprises to multiply their impact.”

About Impact Investment Exchange (Asia)

IIX is itself a Social Enterprise with a social mission: To provide Social Enterprises in Asia with greater access to capital, allowing them to more rapidly expand the impact of their activities. For Social Enterprises, IIX will provide simplified access to impact investors seeking to invest in innovative social business models and who attach positive value to social/environmental returns. For impact investors, it will provide a one-stop shop for market entry and exit as well as transparency, visibility, and rigorous reporting of the social/environmental impact generated by listed Social Enterprises.

For more on IIX, visit

About The Rockefeller Foundation

The Rockefeller Foundation fosters innovative solutions to many of the world’s most pressing challenges, affirming its mission, since 1913, to “promote the well-being” of humanity. Today, the Foundation works to ensure that more people can tap into the benefits of globalization while strengthening resilience to its risks. Foundation initiatives include efforts to mobilize an agricultural revolution in Sub-Saharan Africa, bolster economic security for American workers, inform equitable, sustainable transportation policies in the United States, ensure access to affordable and high-quality health systems in developing countries, accelerate the impact investing industry’s evolution, and develop strategies and services that help vulnerable communities cope with the impacts of climate change.  For more information, please visit

For more information, please contact:

Natalia Olynec, Impact Investment Exchange Asia

Phone: +65 9818 7674

Teresa Wells, The Rockefeller Foundation

Phone: +1 212-852-8304

WhartonConnect Interviews IIX Founder Durreeen Shahnaz

Durreen Shahnaz, WG’95

As Wharton’s first Bangladeshi alumna, Durreen Shahnaz, WG’95, strives to make her alma mater proud – and to make an impact as a social entrepreneur and professor.

What is your occupation?
I wear two hats: one as a social entrepreneur and the other as a professor. I am the Founder and Chairperson of Impact Investment Exchange—a social stock exchange in Asia. Additionally, I am Associate Professor and Head of Programme on Social Innovation and Change at the Lee Kuan Yew School of Public Policy at the National University of Singapore.

What effect has Wharton had on your life?
Wharton had tremendous effects on my life. The School taught me the importance of leadership and finance in today’s complex world. I want to make the Wharton School proud of their first Bangladeshi alumna.

How would you describe your career path to fellow alumni?

My career path is to follow my heart, while keeping my business mind sharp. My passion was and continues to be bringing positive social change to the world.

I came to Wharton after an interesting finance career that began at Morgan Stanley in New York and ended in the villages of Bangladesh at Grameen Bank. After completing my MBA, I felt the need to tackle yet another powerful industry that influences social change—media. I rose up through the ranks at Hearst Magazines very quickly, becoming the youngest VP in the company’s history. While I was there heading up Reader’s Digest Asia I worked vigorously to incorporate social responsibility at both companies. However, my true passion for significant social change came to fruition when I started my first social enterprise, oneNest. oneNest was a New York-based social purpose business that created a marketplace for products produced by microfinance, micro enterprises and artisan groups from all over the world. I successfully ran and sold oneNest and moved to Asia. Now I reside in Singapore, and teach students how to bring about positive social changes to the world. I am busy working on my second social venture, which will impact the lives of millions throughout Asia.

Do you have a story that illustrates the Wharton ROI?
I never looked at Wharton education in terms of ROI. How can education be equated to a monetary return? My education at Wharton was priceless, especially as a woman from Bangladesh. It opened numerous doors for me and continues to give me the branding and confidence to create one social venture after another while questioning the status quo.

Please describe your experience with the Wharton alumni community and share any instances in which you have remained a part of the community as an alum.
My relationship with Wharton is a personal one—I reach out to fellow alumni and students on a one-to-one basis. This has been effective for me in my professional and personal growth.

What is it about your work that most excites you?
Creating incredible social impact through Impact Investment Exchange Asia (IIX) ( excites me. IIX will be first social stock exchange, providing a trading platform and an efficient capital raising mechanism for Asian Social Enterprises (SEs), including both for-profit and not-for-profit entities with a social mission. IIX will connect these SEs with impact investors seeking to achieve both a social and economic return on their investment while providing capital to fund innovative social businesses.

IIX is itself a social enterprise with a social mission: to provide greater access to capital for Asian SEs, allowing them to grow more rapidly and expand the impact of their activities. IIX intends to accomplish this by creating a marketplace to bring together SEs and impact investors that prize the social value they create. IIX will benefit impact investors by giving them access to a group of investment-ready SEs with strong corporate governance practices and a commitment to transparent reporting of both financial and social results, and by providing a source of liquidity.

How have you been able to make a difference at work?
Yes, absolutely! I work and wake up in the morning to make a difference.

For example, by working with thousands of artisans across the globe over the years, oneNest became the primary supplier to UNICEF’s global catalog—a business worth over $150 million. Through its network of thousands of small gift stores, large retail stores and catalog companies, oneNest created markets for thousands of artisans around the globe. The company was solely responsible for lifting thousands of weavers from the brink of starvation when it sold over $500,000 worth of silk hand-woven shawls after the devastating earthquake in the weavers’ home state of Gujarat, India.

And with IIX, we will have multiplied social impact across Asia. IIX will provide access to risk capital for sustainable SEs. Because these entities are sustainable, this capital should provide evergreen benefits. For example, if a microfinance institution (MFI) is able to raise $5 million of risk capital through an IPO on IIX and match this with 3:1 leverage from a bank or other lender, it can increase its loan base by $20 million. If the average loan is $200, this MFI can provide loans to an additional 100,000 borrowers, positively impacting households of several hundred thousand people. Since the MFI is sustainable, this increase should be ongoing—as loans are repaid the money can be relent. If IIX can mobilize $100 million per year, the impact can be multiplied by 20. Of course, IIX will not only focus on the microfinance sector; similar logic applies in other sectors as well. IIX is critical infrastructure needed to allow sustainable SEs across Asia to grow and foster inclusive growth throughout the region.

What are the top three lessons you’ve learned about effective leadership?
•    Compassion
•    Decisiveness
•    Mastering the art of persuasion

What books are you reading today?
I like to read several books at the same time. Currently I am reading The White Man’s Burden by William Easterly, The Bottom Billion by Paul Collier and Of Love and Other Demons by Gabriel Garcia Marquez—all giving me a reality check on life.


IIX in the News in Italy

economia della conoscenza

Un mercato di buone idee

Una crescita economica responsabile

di Giorgio Fiorentini e Cesare Vitali*

La Social Stock Exchange o Borsa Sociale è un mercato azionario ed obbligazionario per la quotazione di imprese sociali siano esse profit che non profit. Per creare un beneficio sociale ed economico rilevante per qualsiasi territorio e sistema paese.
E’ necessario coinvolgere il mercato dei capitali per raggiungere scopi sociali in una dimensione di welfare non solo previdenziale,assistenziale,sanitario,ma anche culturale,scolastico-educativo,di entertainment,ecc. Un welfare allargato e “laico” ove le imprese devono presidiare l’assetto sociale ed economico in un’ interdipendenza reciproca. Non c’è mantenimento e sviluppo economico senza mantenimento e sviluppo sociale.Per fare questo anche  i  mercati finanziari devono giocare un loro ruolo.
Infatti la Borsa Sociale avrebbe la funzione di mantenere e sviluppare imprese sociali profit e non profit e  andrebbe a collocarsi tra la logica della filantropia a fondo perduto (conseguenza del capitalismo compassionevole) e la finanza tradizionale esclusivamente orientata alla speculazione. Una terza via di finanza (economica e sociale) che può avere delle ricadute positive sia sugli equilibri finanziari nazionali e internazionali sia sull’effettivo benessere della popolazione.
Questo mercato si basa sull’incontro tra un’offerta d’investitori di capitali finanziari “etici e responsabili” ed una domanda composta da imprese a orientamento sociale, con un funzionamento simile a quello di una tradizionale borsa: periodicamente le imprese sociali quotate esporranno i resoconti sul proprio andamento, naturalmente non solo finanziario, ma anche sociale.
Tutte queste informazioni verranno recepite dagli investitori che, a seconda dei risultati, delle aspettative e della propensione al rischio, si muoveranno cogliendo le opportunità che il mercato offre: c’è chi acquisterà e chi venderà ed in questo modo il titolo rispettivamente salirà o scenderà a seconda della tendenza più forte.
Il progetto si rivolge a quelle imprese che utilizzano modelli organizzativi dell’impresa capitalistica con lo spirito dell’impresa sociale, riuscendo a produrre congiuntamente capitale economico, sociale ed ambientale;

Tipologie di imprese ammesse al progetto Borsa Sociale.

Da questo grafico si evince che le tipologie di imprese ammesse alla Borsa Sociale sarebbero tre; le imprese non profit (in Italia sono circa 225mila), le imprese sociali (legge 118, 13 giugno 2005 e decreto legislativo 155, 24 marzo 2006) e le for profit social venture: quest’ultime creano valore sociale che però non deriva semplicemente da pratiche e processi socialmente responsabili, ma dalla totale integrazione della dinamica sociale nel modello di business, tramite la creazione di un assetto aziendale innovativo a servizio di obiettivi sociali ed ambientali, non rinunciando però alla remunerazione del capitale investito.
La composizione della domanda è stata delineata escludendo sia le imprese che interpretano le politiche sociali solo in logica di corporate social responsability, sia ovviamente, quelle che non implementano alcuna politica di questo tipo e che non tengono conto degli impatti ambientali e sociali della loro attività.
Dal punto di vista dell’offerta, si sta assistendo ad un interesse crescente verso gli strumenti finanziari etici: nel 2007 il patrimonio italiano gestito composto da prodotti finanziari etici ammontava a circa € 3.8 miliardi, con un tasso di crescita rispetto al 2002 del 125%. Gli investitori possono essere:
– istituzionali e socialmente responsabili e maggiormente interessati al progetto. Fra essi si trovano i fondi comuni etici, le fondazioni (per legge e per statuto perseguono obiettivi di sviluppo sostenibile e di promozione sociale) e le imprese (tra queste si considerano anche quelle che implementano attività di corporate social responsability).
– retail con forte motivazione sociale.Esso  può rappresentare una fetta importante del mercato (in Italia negli ultimi 5 anni almeno un italiano su due ha effettuato una donazione ad un’organizzazione non profit, fenomeno che si monetizza in 3,5 miliardi di euro all’anno; molti di questi soggetti potrebbero sostituire le loro donazioni in logica d’investimento azionario). Inoltre molti investitori potrebbero essere interessati a tale mercato a prescindere da motivazioni di interesse sociale in quanto, diversificando in questi titoli, che sono poco o per niente correlati ai portafogli tradizionali, renderebbero più solido il proprio portafoglio diminuendone il rischio.
Il primo progetto Borsa Sociale è nato in Brasile. Nel 2003 presso la borsa di Sao Paolo (Bolsa de Valores Sociales y Ambietais -Bovespa) , è stato creato un mercato con 30 organizzazioni sociali non profit selezionate secondo valutazione sociale ed economica, e con 120 società di intermediazione, note come broker sociali  A quel tempo, la somma di fondi che le 30 organizzazioni hanno richiesto per i loro progetti è stata di R 9,2 milioni (circa 3 milioni di dollari), con un valore di R 1 (0,33 dollari) per azione sociale.
Il vantaggio principale del progetto è che, a causa del processo di selezione meticolosa e del continuo monitoraggio delle imprese non profit, BOVESPA può assicurare agli investitori che i progetti finanziati apporteranno un significativo beneficio alla società, garantendo l’uso efficiente e trasparente dei fondi erogati; sostanzialmente funziona come una certificazione di qualità. Fino al 2009 la Borsa Sociale brasiliana ha fornito 11 milioni di Reàis (2,4 milioni di euro) a 77 organizzazioni non profit, con 44 progetti interamente completati.
Con un funzionamento del tutto simile alla borsa brasiliana, in Sud Africa è stata inaugurata la borsa per le imprese sociali il 15 giugno 2006 da parte di SASIX (South Africa Social Investment Exchange), presso la borsa di Johannesburg. A fine 2008 SASIX ha raccolto 3.1 Milioni di Rand (€ 1.95 milioni) suddivisi in 38 progetti.

GRAFICO 2: Funzionamento della Social Stock Exchange brasiliana e sud africana.

Il limite principale di questo modello è che, certificando le imprese quotate, offre solo un ritorno sociale all’investitore, non finanziario: per questo, tale modello deve essere visto solo come un esempio positivo di partenza, in quanto non si può prescindere dall’assegnare un riconoscimento finanziario a chi partecipa al mercato della Borsa Sociale. Per ovviare a questo limite sono in procinto di partire le Borse Sociali di  Singapore, Impact Investment Exchange Asia (IIX), e del Regno Unito, London Social Stock Exchange Ltd: tali progetti mirano ad assegnare agli investitori sociali un ritorno anche finanziario.
In Italia si sta aprendo il dibattito: la Regione Toscana, in collaborazione con Avanzi SRI Research e la Fondazione Culturale Responsabilità Etica, sta studiando la fattibilità di tale borsa.
A livello operativo, si immagina che molte imprese sociali avranno difficoltà a soddisfare requisiti stringenti di quotazione: per questo è auspicabile richiedere soglie d’accesso basse; un esempio di riferimento può essere l’Aim (Alternative Investment Market), che tra le strutture borsistiche esistenti, è quella che permette una regolamentazione più semplice e maggiormente flessibile.
Gli strumenti finanziari in questione sarebbero azioni (emesse solo da imprese for profit e non dalle non profit a causa del divieto di distribuzione di utili) e titoli di debito (emessi da tutti i soggetti for e non profit, in quanto non ci sono limiti giuridici). Per tali strumenti obbligazionari andrebbero presi come riferimento i titoli di solidarietà emanati l’8 giugno 1999, a seguito del D.Lgs. 460/97, che li introduce e li definisce come titoli obbligazionari a tasso fisso non convertibili.
Un passaggio fondamentale per l’implementazione del progetto è quello di stabilire dei criteri ed indicatori oggettivi che il soggetto incaricato alla valutazione utilizzerà per regolamentare l’accesso alla Borsa Sociale: la misurazione dovrà rispecchiare la capacità dell’impresa di creare valore finanziario (cioè la capacità di creare un ritorno finanziario) e sociale (capacità di realizzare progetti sociali ed ambientali).Queste due visioni, sempre considerate erroneamente  alternative tra di loro, vanno quindi integrate insieme.
Le imprese sono classificabili(rating) tramite classi di indicatori specifici e inerenti: la corporate governance, la gestione risorse umane (in particolare gli indicatori di pari opportunità e di gestione partecipata), la gestione ambientale, la qualità e l’attenzione verso i clienti, il livello di trasparenza, la sussidiarietà orizzontale (ad esempio l’influenza verso la P.A., che misura il coinvolgimento attivo nelle strategie pubbliche) e la performance economica (redditività, solidità, liquidità).
A questa impostazione segue l’analisi quantitativa dell’impatto sociale  (social impact assessment) e  si pone l’obiettivo di misurare fattori che il più delle volte sono ad alta componente qualitativa e difficilmente monetizzabili.
L’indicatore proposto in questa difficoltosa operazione è lo Sroi (Social Return On Investment). Tale indicatore quantifica in termini economici il valore sociale, non finanziario, generato dall’impresa.Esso è finalizzato ad integrare i tipici valori del calcolo dei ritorni economico finanziari, con la misurazione monetaria dei social savings e delle social expenses. Si pone il  compito di tradurre gli outcomes sociali ed ambientali in valori monetari tangibili.
Questi valori possono riguardare la salute (ad esempio il miglioramento della qualità della vita o l’aumento delle prospettive di vita), lo sviluppo della comunità (ad esempio l’aumento dell’equità sociale o la riduzione della disoccupazione), l’ambiente (ad esempio il miglioramento qualità dell’aria e dell’acqua), l’educazione ed altri bisogni sociali. Si elabora un prospetto anno per anno dei flussi relativi ai benefici, utilizzando il tasso di attualizzazione più appropriato; tale tasso dovrebbe riflettere l’incertezza del raggiungimento dei risultati sociali stimati (la New Economics Foundation utilizza il 3,5%).
Il criterio con cui si calcola il flusso dei benefici sociali è il calcolo dei costi risparmiati dai diversi stakeholders, grazie all’attività dell’impresa sociale in questione: ad esempio, nel caso di una cooperativa sociale di tipo B, che assume personale proveniente da fasce svantaggiate, l’indicatore è il numero di ex disoccupati assunti nella comunità e la monetizzazione di tale impatto è il risparmio per la società conseguente all’assunzione di persone disoccupate, in termini di riduzione di sussidi (diminuzione della spesa sociale); oppure ancora di quanto aumenta il gettito fiscale in seguito a tali assunzioni.

Formula dello SROI, dove:
Benefits è il beneficio sociale prodotto nell’anno i;
X è il tasso di attualizzazione.
Superato l’accesso al mercato, è fondamentale stabilire procedure per definire il pricing delle azioni: il metodo più utilizzato da parte delle imprese for profit tradizionali è quello finanziario del Discounted Cash Flow; in questa metodologia si calcola l’Equity Value (E), stimando i flussi di cassa futuri previsti ad un certo tasso di sconto.

Formula del DCF, dove:
CF sono i flussi di cassa nell’anno i;
WACC è il tasso di sconto;
NFP è la posizione finanziaria netta;
TV è il terminal value;
SA sono i surplus asset;
M sono le minorities.

Date le due componenti sociale ed economica delle imprese in questione, è necessario ponderarle di modo da ottenere il Social Equity Value.Ovviamente bisogna  decidere quale ponderazione attribuire ai due fattori.Essa potrebbe essere 80% equity e 20% social (SROI) e questa scelta è motivata dal fatto che, intuitivamente, il valore sociale sarà più basso rispetto a quello dei flussi di cassa, per cui ,con una ponderazione di questo tipo, non si abbasserebbe in modo significativo il valore totale dell’impresa.

Formula del SEV, dove:
E è l’equity value;
S è il social value (SROI).

La creazione della Social Stock Exchange con ritorno finanziario agli investitori è un percorso  che necessita di molte ponderazioni e piccoli steps: il primo passo necessario è sicuramente un maggior dibattito su tale progetto, di modo da coinvolgere un alto numero di soggetti interessati alla sua implementazione. Attualmente invece le informazioni sulla Borsa Sociale sono frammentarie e poco documentate: per questo è necessario creare un punto d’informazione comune per tutti gli interessati al progetto, come un forum online, in cui le informazioni sui progetti esistenti e sulle proposte d’azione giungano più efficacemente per facilitare il processo di discussione. Comparando più proposte e modelli esistenti, sarà possibile sviluppare un prototipo più funzionante e specifico di Borsa Sociale.
In secondo luogo è necessario studiare partnership con le esistenti borse tradizionali.
Un altro passaggio obbligato è quello di costruire misure di impatto sociale standard, che impongano regole  oggettive di misurazione.
In ultimo, per incoraggiare gli investitori, la Pubblica Amministrazione, riconosciuta l’alta valorialità sociale del progetto, potrebbe introdurre norme per incentivare fiscalmente le transazioni o partecipare direttamente ai costi di struttura.
La proposta di una Borsa Sociale contiene elementi di grande valore sul piano sia culturale che istituzionale: contribuirebbe al rafforzamento ed alla crescita di un’economia più responsabile, in cui la visione del mero profitto sarebbe arricchita da componenti etiche, limitando le pratiche più dannose sul piano ambientale e sociale; in sostanza, contribuirebbe ad una maggiore attenzione selettiva delle imprese da parte della popolazione, incentivando la creazione di aziende con impatti sociali positivi e disincentivando gestioni aziendali poco responsabili.

*Università L. Bocconi-Milano